Zamparini si difende: “Mi avevano lanciato uno strano avvertimento”

0
24
zamparini si difende

Zamparini si difende dopo il blitz della guardia di Finanza che ha perquisito gli uffici della società e la sua abitazione privata. Un fulmine a ciel sereno, per il patron rosanero, anche se, a suo dire, qualcuno aveva lanciato uno strano avvertimeto.

“Sono esterrefatto per quanto sta accadendo al club. Sono una persona onesta e specchiata. Non so a chi ho dato fastidio”, ha spiegato ai microfoni di LiveSicilia. “Falso in bilancio? A Palermo ho lasciato settanta milioni del mio patrimonio, altro che appropriazione indebita”.

Zamparini ha  raccontato un aneddoto inquietante, un retroscena risalente allo scorso 30 giugno: “Ho ricevuto una telefonata da Angelo Baiguera (l’executive manager del Palermo) che aveva incontrato alcune persone a Palermo. Era esterrefatto e mi disse: ‘Maurizio, mi hanno detto che se non vendi a Baccaglini vengono in Friuli e ti arrestano’. Mi sono messo a ridere e oggi accade tutto questo. Trovo veramente strano l’intervento della Procura dopo quella telefonata”.

Poi il friulano mostra tutta la sua preoccupazione per una situazione che non aveva certamente messo in preventivo. “La giustizia farà il suo corso ma io sono preoccupato. A Palermo hanno arrestato politici come Musotto e Mannino, che poi sono stati assolti. Io non sono un politico e non so a chi ho dato fastidio – ha proseguito Zamparini -. Sono ore decisive per il mercato, come faremo? Chi vuole distruggere il Palermo? Mia moglie vuole trasferirsi all’estero e fa bene, ci penserò anche io”.